Il .jpg è già postproduzione

‘JPEG (acronimo di Joint Photographic Experts Group) è un comitato ISO/CCITT che ha definito il primo standard internazionale di compressione dell’immagine digitale a tono continuo, sia a livelli di grigio che a colori.
“JPEG” indica quindi anche il diffusissimo formato di compressione a perdita di informazioni ed è un formato aperto e ad implementazione gratuita.
Attualmente JPEG è lo standard di compressione delle immagini fotografiche più utilizzato. ‘ cit. Wikipedia

picture-style-a-confronto
come varia un jpg al variare dello stile impostato

 

Quando scatti in .jpg perdi parte delle informazioni acquisite:

  1. la fotocamera acquisisce le informazioni in formato grezzo (RAW)
  2. le elabora attraverso degli algoritmi interni
  3. applica i filtri che le hai impostato (picture style piuttosto che modalità auto, ritratto, panorama)
  4. restituisce un’immagine immediatamente fruibile, il jpg.

Quando in macchina scegli di usare lo stile ritratto piuttosto che panorama stai scegliendo come vuoi la nitidezza, il contrasto e la saturazione dei colori.
Se non imposti alcuno stile, lasci che l’ingegner Canon, Nikon, Fuji, Apple o Samsung decida come deve essere riprodotta la tua realtà.

Il .jpg che esce dalla macchina è una postproduzione decisa dalla fotocamera.

Nella fotografia digitale l’unico formato che più si avvicina alla riproduzione del reale è il RAW

RGB

Semplificando, il Raw è l’insieme dei dati che la macchina raccoglie dall’immagine:
ogni immagine è composta da pixel;
ogni pixel è composto dall’insieme dei rossi, verdi e blu (RGB) che si miscelano in quantità variabile dando origine a tutti i colori;
la miscela RGB costituisce i dati dell’immagine.

Il file Raw è immodificabile

RAW-XMP

quando apri camera RAW di Photoshop, questo crea un file .xmp senza andarlo a sovrascrivere al raw originale;
il file .xmp contiene le informazioni di come e quali dati hai modificato,  se cancelli il file .xmp e riapri il raw, tutte le modifiche apportate sono perse.
Se dal raw vuoi salvare un’immagine (ad esempio da Camera Raw o da Lightroom) ti viene chiesto in quale formato deve essere salvata, se jpg, tiff (tif) o psd.
L’immagine che ne esce è un’immagine più o meno compressa, che ha subito cioè una modifica (qualitativa) ed una perdita (quantitativa) di dati rispetto all’originale Raw.

Riassumendo:

l’unico file che riproduce la realtà in termini di dati è il Raw
quando modifichi questi dati applichi della postproduzione
se fotografi in .jpg con qualsiasi fotocamera (reflex, compatta, smartphone) hai un’immagine già postprodotta.

Domanda:

quanto vuoi lasciare decidere alla fotocamera e quanto vuoi decidere tu come deve essere la tua  immagine?

Per approfondire

Per approfondire gli argomenti puoi seguire uno dei nostri corsi:

» corso base & intermedio di Fotografia
» corso di Photoshop
» corso di Lightroom

Se ti piacciono i nostri post iscriviti alla nostra Newsletter!

Condividi il post con i tuoi amici e colleghi:

Lascia un commento